venerdì, Marzo 1, 2024
News

SERRAVALLE – NUOVI GRATTACAPI PER IL COMUNE: LA MANCANZA DI LOCULI NEI CIMITERI SI TRASCINA DA ANNI E NON E’ TUTTORA RISOLTA – CHE FARE? – DI CHI SONO LE RESPONSABILITA’?

Serravalle “È necessaria la costruzione di nuovi loculi e di nuove cellette praticamente su tutti i cimiteri comunali. Per tutto questo servirà uno stanziamento economico​ importante che troverà probabili riscontri nella primavera del 2023 e comunque non prima dell’approvazione del bilancio consuntivo 2022 (fine marzo 2023), in modo da poter impegnare risorse tangibili”.

Sono parole dell’assessore comunale ai lavori pubblici Marco Pozzati ed hanno fatto molto arrabbiare i suoi concittadini di Serravalle, che da anni attendono la costruzione di loculi per poter dare degna sepoltura ai propri cari.

“Sono anni che attendiamo la costruzione di loculi – dicono arrabbiati i Serravallesi – il comune non costruisce  e vieta a noi di farlo. Ora apprendiamo che bisognerà attendere ancora tempo. Non ci siamo”.

Qui, nella frazione più orientale del Comune di Riva del Po, da anni la cremazione rimane ancora la soluzione finale del percorso di vita, quasi un obbligo, perché sul cimitero locale è pressoché impossibile trovare loculi, mentre le cellette non mancano. Una battaglia pacifica e costante che i cittadini stanno portando avanti da anni ma che non da segnali di possibili soluzioni, anche se una proposta sul tavolo del primo cittadino è arrivata da parte di un geometra, portavoce di decine di residenti.

“Bisogna rivedere il regolamento e porre modifiche che riguardano la costruzione di Cappelle Gentilizie composte da più nuclei familiari”.

Una domanda/proposta  del geometra, articolata ed esaustiva, presentata al sindaco di Riva del Po a luglio del 2019, che non ha prodotto alcun risultato. “Riteniamo che ognuno abbia il diritto di scegliere tra sepoltura o cremazione – ribadiscono molti cittadini di Serravalle – cosa che da molto tempo non ci è più concessa, visto che mancano i loculi”.

Da molti anni l’amministrazione comunale non costruisce più loculi, da mettere a disposizione dei cittadini che ne hanno bisogno. La precedente amministrazione berrese ha sempre detto che mancavano i soldi per poter far fronte a nuove costruzioni e l’arrivo dei contributi dalla fusione con Ro doveva rappresentare uno sbocco, una possibile soluzione del problema, ma fino ad ora nulla si è mosso.

“Attendere ancora? – concludono i cittadini – è ora di costruire, subito, lasciando spazio anche a chi vuole fare le cappelle gentilizie, modificando il regolamento”.

(d.m.b.)

Visits: 95

Condividi: