BERRA – LA PULIZIA DELLE PIAZZE DI RO E BERRA LASCIA A DESIDERARE – SOTTO ACCUSA LA COOPERATIVA ARO CHE AGISCE PER CONTO DI C.L.A.R.A. – LE SPIEGAZIONI DELL’ASSESSORE POZZATI

Berra Ramazza settore, due parole che i più datati avranno sentito pronunciare parecchie volte. Era tempo di naja e ramazzare il settore era la pratica quotidiana alla quale venivano destinati i militarii, per garantire la pulizia delle aree comuni. Cosa che, secondo alcune pubbliche denunce, manca da un po di tempo nella piazze e zone adiacenti a Berra.

“Avevamo un addetto al decoro e pulizia del paese tutte le mattine, puntuale e competente, e la piazza ed anche il tratto che porta alle scuole erano sempre in ordine – rileva una signora che abita in piazza – i cestini, sia nel  parco che dal campanile, venivano svuotati  ogni mattina: come mai ciò non succede più? Cos’è cambiato?”.

Del problema si è interessata la consigliera Daniela Simoni (Gente di Riva del Po), che immediatamente chiesto informazioni all’assessore competente. “Prima della fusione tra i comuni Berra e Ro i servizi di spazzamento e comunque di decoro urbano, erano organizzati diversamente per i due comuni – è la spiegazione dell’assessore Pozzati Su Berra era concordato lo spazzamento manuale compreso di svuotamento cestini mentre per Ro era concordato lo spazzamento meccanizzato con annesso il servizio di svuotamento cestini (ovviamente manuale).

Dopo la fusione dei comuni e nel tempo emergono le varie differenze tra un territorio e l’altro, quindi si comincia a chiedere di uniformare le situazioni su tutto il nuovo territorio comunale; Il servizio di spazzamento manuale che aveva Berra abbiamo ritenuto opportuno estenderlo a tutto il territorio in quanto garantiva risultati migliori del meccanizzato poiché manualmente si poteva/doveva curare anche il dettaglio.

Dal punto di vista economico il tutto rientra nella tariffa TARI, quindi siamo nelle mani di CLARA, per intenderci (la cooperativa ARO finora ha lavorato e lavora tutt’ora sul territorio per conto di CLARA); il tutto viene trasformato in ore di lavoro sul territorio.

A giugno 2020 incontro con ARO per estendereo il servizio di spazzamento manuale anche all’ex territorio roese, riformulando così le ore dedicate per ogni frazione e riuscendo a mantenere un numero di ore adeguato per i centri più grossi (Berra, Ro, Serravalle) corredato da un numero di ore comunque sufficiente a “pulire” anche le frazioni più piccole (stima totale ovviamente fatta da ARO e Ufficio Tecnico Comunale, quindi prettamente tecnica).

La cooperativa ARO avverte che per mantenere un servizio decoroso in ogni frazione per tutto l’anno 2021 servirà un’ integrazione dal punto di vista economico di 39.500 € circa per mantenere le stesse ore di servizio per tutto l’anno su tutto il territorio.

Ad oggi non è stato trovato un modo per poter effettuare questa integrazione economica. Il risultato è naturalmente sotto gli occhi di tutti. Questo è il motivo per cui nel 2021 il degrado urbano si è amplificato a dismisura. Si sta lavorando per il 2022 sperando di poter superare i blocchi normativi”.

(d.m.b.)

Hits: 109

Condividi: