ALBERONE – IL SOPRALLUOGO DELL’ASSESSORE MARCO POZZATI HA CHIARITO LA SITUAZIONE DEL MANCATO SFALCIO DELL’ERBA NEL PARCO CITTADINO E HA “INCHIODATO” C.L.A.R.A. ALLE PROPRIE RESPONSABILITA’…

Alberone – È bastato un sopralluogo dell’assessore comunale ai lavori pubblici Marco Pozzati per sistemare tutto o meglio chiarire il disguido, perché di tanto si è trattato.

Nelle settimane scorse una signora di Alberone, aveva denunciato pubblicamente una situazione di non curanza del verde. “Un bel parco con annesso stabile gestito dalla Pro Alberone – scriveva Sara – famoso per il posto dove si fa la Sagra del Zanin. C’è il parco giochi per i più piccoli, il campo da calcio, pallavolo  e quello da tennis. Tanta ombra, tavoli da pic-nic e panchine dove poter passare un pò di tempo con la famiglia all’aria aperta in tutta sicurezza. C’è pure un bel parcheggio, una fontanella di acqua potabile ed è a due passi dalla piazza.

Cestini e marciapiede vengono regolarmante puliti da un signore che fa lo stesso lavoro anche in piazza. Il parco è tenuto come il giardino di casa propria dai volontari/fondatori della Pro. Tutto questo fino a qualche settimana fa – precisava la signora – quando improvvisamente viene negata loro la possibilità di curare il parco. A forza di insistere hanno almeno ottenuto la custodia di siepi e campo di calcio. Il parco giochi proprio no. Ci deve pensare Clara”.

Ma l’erba è cresciuta e nessuno se ne fa carico. Ecco allora che interviene l’assessore e tutto è chiarito. “Dopo un sollecito – spiega Sara – l’assessore è venuto a vedere di persona la situazione ovvero la via Fossa pulita e il parco ancora allo stato brado. Dopo essersi informato ci dice che il problema è così sorto: con il trasferimento dell’ufficio tecnico a Berra non si era a conoscenza del fatto che la Pro Alberone gestiva la manutenzione del parco, al contrario di Clara che “ha saltato” il parco proprio perchè sà che da sempre ci pensano i volontari.

Ora gli accordi sono che Clara dovrà passare in settimana, perchè la Pro non ha mezzi adeguati per uno sfalcio di erba così alta, e poi tutto ritornerà come prima.

“Finalmente torneremo a giocare in un bel parco – esulta Sara – pulito ed accogliente e sperando che il covid ci dia tregua a tornare a fare le nostre piccole iniziative per finire con la nostra amata Sagra dal Zanin. Se un giorno passeggiate sull’argine del Po, fate una piccola sosta nel nostro parco, non ve ne pentirete”.

(d.m.b.)

Hits: 69

Condividi:

Lascia un commento