RO – QUEST’ANNO SCOLASTICO VEDRA’ LA SCOMPARSA DELLE PRIMA CLASSE ELEMENTARE: CI SONO POCHI BAMBINI! – IL SINDACO: SIAMO IN CONTATTO CON LA DIRIGENZA SCOLASTICA SPERIAMO BENE – SERENA OCCHI (OPPOSIZIONE): IL COMUNE SI MUOVA SUBITO PER LA SOLUZIONE NON ASPETTI COME AL SOLITO

Ro – Un intero paese in apprensione per la possibile chiusura della classe prima delle elementari nel prossimo anno scolastico, una notizia che attende conferma (o smentita) da parte della Dirigenza Scolastica Provinciale e che tarda ad arrivare.

A Ro non si parla d’altro, perché perdere le scuole è come perdere una parte di sé stessi, perché un paese senza scuole non ha  capacità attrattiva e impoverisce chi ci abita. Una situazione che si è creata in quanto gli alunni iscritti al prossimo anno scolastico sono “solamente” 7, un numero insufficiente per poter garantire la presenza della classe.

Genitori e cittadini, tutti sono un po’ disorientati in quanto le notizie, non sempre vere, che circolano sono frammentarie: si attende un comunicato ufficiale da parte del Sindaco, che a sua volta attende risposta dall’ufficio provinciale.

“Stiamo aspettando risposta dall’ufficio Scolastico Provinciale – diceva ieri mattina (venerdì) Andrea Zambonicon buone prospettive”.

E se dalla parte amministrativa si spera in una risoluzione positiva, dalla parte dei cittadini c’è tanta sfiducia e rabbia. “Questo è il preludio alla chiusura definitiva – commentano i cittadini – perché se salveranno questo anno scolastico poi il problema si ripeterà in avvenire”.

Ed è anche per questo che i genitori dei 7 alunni, ma non solo, chiedono certezze sul mantenimento della classe anche in futuro, cosa difficile da dire.

“Salvare questo anno scolastico senza avere garanzie sul futuro – dicono alcuni di questi genitori – significa mettere una pezza già usurata. A noi servono garanzie anche per il futuro, per poi non dover cambiare in corso d’opera, il che creerebbe disagi ai genitori e soprattutto scompensi ai nostri figli. Se proprio si deve cambiare – concludono  – è meglio farlo subito”.

Secondo indiscrezioni pare che la possibile soluzione stia nel mezzo: unica prima classe a Berra con sezione distaccata a Ro, percorso già intrapreso anni fa a Berra, con successo.

“Sarebbe una situazione precaria – commenta la consigliera Serena Occhicon nessuna certezza futura. Questi genitori sono da capire. Direi piuttosto che l’amministrazione comunale avrebbe fatto meglio muoversi prima, prevenire anziché rincorrere il problema, come sta facendo. Comunque io mi auguro una soluzione positiva e definitiva”.

L’invito, a tutti, è comunque quello di non mollare e di lottare fino alla fine.

(d.m.b.)

Hits: 16

Condividi:

Lascia un commento