CASTELGUGLIELMO – AMAZON SI AMAZON NO – DUE SINDACATI SU FRONTI OPPOSTI RELATIVAMENTE AD AMAZON – ADL COBAS: AMAZON SCORRETTO E FIADEL (SINDACATO DIPENDENTI ENTI LOCALI): PER FORTUNA AMAZON HA INVESTITO IN POLESINE

Castelguglielmo Amazon si, Amazon no. C’è chi attacca e chi difende il colosso mondiale che da tempo ha aperto a Castelguglielmo.

Nei giorni scorsi, durante una manifestazione davanti al capannone, l’Adl Cobas aveva duramente criticato Amazon. Ora invece arriva una testimonianza positiva, a favore di Amazon, come è normale che sia.

A stare dalla parte di Amazon è Fiadel: con una la segreteria provinciale della Fiadel (Federazione italiana autonoma dipendenti enti locali) si schiera con il colosso dell’e-commerce, al contrario di quanto espresso recentemente da altre sigle sindacali.

“Leggo sempre più spesso sui media che i dipendenti di Amazon sono trattati come schiavi, non hanno diritti e addirittura si parla di caporalato – sono le parole dal segretario provinciale Fiadel, Michele Zanirato – Vista l’esperienza mia personale di sindacalista con dipendenti di Amazon, di tutto mi è stato detto, tranne che stavano male, anzi, mi dicevano che erano contenti dello stipendio e del modo di lavorare, in quanto la fatica di alzare pesi in continuazione era stata sostituita dalla meccanizzazione del lavoro”.

Ed ancora: “Si parla che sono state licenziate molte persone dopo le Feste, ma avevano un contratto a tempo determinato; si sa che Amazon, durante le Feste, lavora il doppio ma dopo il lavoro si normalizza e quindi a termine contatto, se non c’è bisogno di personale in più, lo licenzia.

Come fanno tutte le aziende che in un periodo dell’anno sanno di avere un surplus di lavoro e assumono con contratti a termine”.

“Se un dipendente dorme in macchina, perché non ha trovato alloggio, sembra che la colpa sia di Amazon, così come per la carenza di case in affitto. La colpa di chi è? – chiede il dirigente sindacale – Sicuramente non di Amazon che io personalmente ringrazio per avere investito in Polesine e sono sicuro che appena ne avrà la possibilità, assumerà anche a tempo indeterminato. Diamogli il tempo di rodaggio – conclude il sindacalista – anche in Polesine”.

(d.red.)

Hits: 63

Condividi: