RO – DANIELA SIMONI RISPONDE ALLA LETTERA DI FILIPPO BARBIERI: RINNOVO LA STIMA PER TE MA NON CREDO CHE SIA IL TUO LAVORO A TENERTI LONTANO DALLA POLITICA

DANIELA SIMONI

Ro – La politica locale registra un’altra puntata sulle dimissioni da assessore/consigliere di Filippo Barbieri. La consigliera Daniela Simoni (Gente di Riva del Po) replica così alla risposta di Barbieri.

“Poco è stato il tempo che ci ha visto collaborare (purtroppo) abbastanza però per capire il tuo valore la tua preparazione e la tua abnegazione per la buona politica. Quindi ancora una volta pubblicamente e direttamente a te ( mi è dispiaciuto non poterlo fare nella giusta sede consiliare perché quanto viene detto la mai corrisponde al vero) ti ribadisco che non credo a questa tua giustificazione.

Il lavoro ti ha sempre impegnato tanto ma sei sempre stato fedele all’impegno che avevi assunto. Tu non eri il consigliere che faceva solo numero. Che alzava e abbassava la manina a comando. Tu avevi ed hai una conoscenza ed una preparazione amministrativa e politica compiuta. E quindi la tua dipartita è una perdita che ti ribadisco offende le persone che ti hanno votato e che ti hanno preferito nel ruolo di governo.

Ed offende noi colleghi perché è parso ai più che si sia trattato di un puro calcolo in campagna elettorale per portare a casa un bel quorum di preferenze. In fondo la vs squadra è stata ben costruita con questo unico obiettivo ovvero incassare le preferenze.

Medici volontari nelle associazioni ed amministratori storici e la strategia vi ha premiati ampiamente. E vengo al punto. Dopo pochi mesi ti sei accorto che una squadra non è fatta solo di consensi esterni ma di condivisione di obiettivi comuni di uniformità di vedute. È questa la vera verità che come al solito non si può dire anzi non si deve dire perché di coltelli puntati ognuno di voi ha il suo.

Anche la tua sostituzione era già scritta con la surroga di un assessore esterno. E sappiamo bene entrambi di chi stiamo parlando. Ma anche stavolta qualcosa è andato storto per i manovratori occulti almeno ma per noi cittadini l’arrivo di Pozzati all’assessorato è stata una boccata d’ossigeno.

Caro Filippo chiudo dicendo che quando i riflettori su questa vicenda saranno spenti e mancherà poco per fortuna spero di poter scambiare quattro chiacchere con te davanti ad un buon caffè. Perché sai mi è stato chiesto di ritirarmi un po dal social. Quale migliore occasione dunque. Con stima sempre”.

Hits: 360