COLOGNA, COMMEMORAZIONE RIUSCITA PER AURELIO ZAMBONI MA CON POLEMICHE POSTUME – DANIELA SIMONI (GENTE DI RIVA DEL PO): NOI NON SIAMO STATI INVITATI…

COLOGNA. IL MONUMENTO AD AURELIO ZAMBONI

Cologna – Una festa ben riuscita ma con una parte mancante, perché non invitata. Nei giorni scorsi la fanfara dei bersaglieri ha ricordato l’eroe Aurelio Zamboni, medaglia d’oro al valor militare, e a pochi giorni di distanza da quella festa parte l’accusa, nasce la polemica, insomma, le “solite” cose.

A denunciare l’accaduto, il fatto, il misfatto (non saprei come chiamarlo) è il consigliere di opposizione di Riva del Po Daniela Simoni (Gente di Riva del Po).

“Di certo – dice Daniela Simoni – un momento di commemorazione molto emozionante per l’intera collettività di Riva del Po, a ricordo del bersagliere Aurelio Zamboni e di tanti valorosi che hanno sacrificato le loro giovani vite per il bene comune.  Eroi di ieri di oggi e di domani”.

Ma ecco la nota storta: “Dal punto di vista della partecipazione istituzionale però ancora una volta non posso esimermi dall’osservare l’assoluta mancanza di considerazione e di riguardo per gli amministratori di minoranza che NON sono stati invitati all’evento.

Nei momenti celebrativi (e quindi ufficiali) il Consiglio comunale deve essere presente nella sua totalità, come organo politico di rappresentanza dell’intera collettività.

Ma non a Riva del Po. Si è perduta un’altra buona occasione di condivisione istituzionale, al di là dell’appartenenza politica e della collocazione in Consiglio,  e si sono consacrate palesemente l’indifferenza e la disistima per coloro che non siedono al tavolo del potere”.

E poi l’affondo verso il sindaco Andrea Zamboni. “Spesso accade. Che alcuni discendenti non siano valorosi, coraggiosi e generosi come i propri avi”.

(ci.ci.)

Hits: 29

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *