SERRAVALLE, QUALCOSA SI MUOVE SUL FRONTE DEGLI PFAS I NUOVI INQUINANTI PRESENTI NEL FIUME PO

Serravalle. A forza di insistere qualche cosa si è mosso. Stiamo parlando degli inquinanti di nuova generazione, i Pfas, presenti nel Po.

Da anni la regione Veneto, ed in modo particolare la provincia di Rovigo, sta conducendo una propria battaglia personale contro questi inquinanti. Sono presenti nel Po, da molto tempo, ma non si sa esattamente quanto male possono fare alla salute umana. Nella provincia di Rovigo sono stati eseguiti degli esami mirati su un ampio numero di cittadini ed i risultati, resi noti in questi giorni, hanno dimostrato che tutti sono stati contaminati da Pfas, con valori 10 volte superiori ai limiti massimi consentiti dalla regione Veneto, ma nessuno di questi presentava disturbi.

Ma l’anomalia, secondo la regione Veneto, sta nel fatto che le altre regioni rivierasche del Po hanno valori di riferimento molto più bassi. Ed ora, a grande richiesta, il ministro dell’ambiente Sergio Costa ha deciso di mettere mano a questi valori di riferimento.

Lo ha fatto sapere lo stesso ministro attraverso un twitter che “la prossima settimana firmeremo il decreto interministeriale per determinare i limiti ai Pfas che per noi devono essere Pfas zero. Questa è una battaglia che stiamo combattendo anche in Europa”.

Grande euforia da parte della regione Veneto. “Benissimo – commenta l’assessore all’ambiente Gianpaolo Bottacin – in Veneto non aspettavamo altro. Ora non ci resta che aspettare il provvedimento, augurandoci che vengano fissati limiti restrittivi come in Veneto”.

Ma la ciambella potrebbe nascere senza il buco.

“E se ciò non fosse, per lo meno, ci piacerebbe che questo atteso provvedimento ministeriale mettesse la Regione del Veneto in grado di porre limiti più restrittivi – precisa, in conclusione, Bottacin – in sostanza offrisse sostegno giuridico e normativo all’amministrazione regionale per risolvere le oltre 50 cause alla quali ci troviamo a far fronte oggi per l’assenza di limiti nazionali”.

Mentre sul versante Emilia Romagna dell’inquinante Pfas non se ne sente parlare.

(l.c.)

Hits: 14