ROVIGO – ABBANDONA I RIFIUTI PER STRADA MA VIENE FILMATO DA UNA TELECAMERA – A QUEL PUNTO SI PENTE E SI SCUSA PER QUELLO CHE HA FATTO

FOTO D’ARCHIVIO

Rovigo – Dove c’è la videosorveglianza, come contrasto all’abbandono dei rifiuti, funziona e paga.

È successo a Rovigo, Zona Interporto ancora area dedita alla raccolta dell’immondizia. La stradina è una perpendicolare di viale delle Industrie in direzione Interporto, dopo il superamento della ferrovia, la si trova sulla sinistra e fa un anello, ritornando su viale delle Industrie. Questa stradina senza nome più volte è stata protagonista nell’ospitare immondizia a cielo aperto, come è stato immortalato il 20 ottobre scorso.

Ora il gesto si è ripetuto. Il video immortala un semplice gesto: l’auto si ferma accanto al ciglio della strada, il passeggero scende, apre il bagagliaio, tira fuori un sacchetto di spazzatura e lo molla a margine della strada, risale in auto e riparte. E’ un gesto semplice che denota un alto livello di inciviltà, di mancanza di rispetto delle regole, di mancanza di decoro e di noncuranza nei confronti dell’ambiente.

E l’ecocentro, dove i cittadini possono portare qualsiasi oggetto da buttare, si trova a poche centinaia di metri. Ma poco dopo i trasgressori scoprono di essere stati registrati durante il loro malefatto. Chiamano un giornale e si vergognano, hanno chiesto scusa e si definiscono “due ebeti” per essersi comportati in maniera incivile abbandonando sul ciglio della strada l’immondizia di casa ed affermano di aver capito che non ci si deve comportare mai più a quel modo.

La storia. Il proprietario dell’auto è un ferrarese che lavora a Rovigo e martedì mattina si è caricato la spazzatura di casa per portarla al cassonetto in fondo alla propria via. Una serie di circostanze lo avrebbero fatto dimenticare di scaricare l’immondizia e cosi se l’è portata al lavoro.

In pausa pranzo, assieme ad un amico, avvertono l’odore dell’immondizia e visto che avrebbero mangiato in zona industriale, prima di scendere, si sono “allungati” fino all’area confinante con l’interporto per commettere la loro “bravata”.

All’uscita dal lavoro, alle 18.30 scoprono che il loro gesto è stato scoperto. Si pentono, vanno a recuperare l’immondizia e contattano il giornale per poter chiedere pubblicamente scusa per l’accaduto.

(Mr.T.)

Hits: 17

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *