BERRA – GRANDE FESTA SABATO 19 NOVEMBRE PRESSO IL MUNICIPIO DOVE COLLEGHI AMICI E ISTITUZIONI HANNO SALUTATO IL LUOGOTENENTE DI, RO MASSIMO GUIDI, CHE HA “GUADAGNATO” LA MERITATA PENSIONE

Berra – Festa grande sabato mattina 19 novembre presso il municipio di Riva del Po, nella sede di Berra, dove i colleghi, amici e istituzioni hanno salutato il comandante della stazione carabinieri di Ro, il Luogotenente Massimo Guidi, posto in quiescenza dopo una lunga militanza di onorato servizio.

Arrivato il 10 settembre 1990 con l’incarico di comandante di stazione, prima di approdare a Ro  il Luogotenente Massimo ha prestato servizio come sottoposto al Lido degli Estensi per due anni e per tre anni a Gorizia. Visibilmente commosso e con voce timida ha ripercorso il suo lungo cammino di permanenza nella piccola comunità rivierasca.

“Un rapporto lungo e sincero – ha detto il Luogotenente – dove ho sempre cercato di dare il “massimo”, a disposizione della comunità e per la comunità, come si conviene ad un carabiniere”.

Guidi ammette che la vita da carabiniere non rientrava nei suoi pensieri da giovane ragazzo. “Ma vivendo in una famiglia in divisa – ha sottolineato – sono diventato carabiniere pure io. E ringrazio i miei genitori per l’insegnamento ricevuto”.

Guidi ha poi ringraziato tutti, colleghi, aiutanti, chi lo ha preceduto. “Ma vorrei ringraziare soprattutto la mia famiglia – ha sottolineato – moglie e figli, che mi hanno supportato e sopportato”. E mentre i presenti applaudivano, il Luogotenente si strofinava gli occhi. Prima di lui ha parlato il Sindaco, che ha ringraziato il comandante Guidi per il lungo lavoro svolto in quel di Ro prima (Zamboni era assessore) e a Riva del Po dopo.

Presenti ai saluti il Comandante della Compagnia Carabinieri di Copparo, Maggiore Manuel Scacchi, il tenente Domenico Marletta, Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Copparo, il Luogotenente Nicola Rauli, comandante stazione carabinieri di Berra, il Comandante della Stazione Carabinieri di Cologna il Maresciallo Gian Luigi Cosmo, Anacleto Giannone dell’associazione nazionale carabinieri in pensione, alcuni colleghi in borghese e la Giunta Comunale al completo.

Il comandante Guidi ha ricordato alcuni aneddoti di questa lunga presenza, ricordando la piena del Po del 2000 e il ritrovamento nel Po della giovane donna uccisa, non tralasciando i rapporti con le istituzioni locali e i cittadini.

“Ci chiamavano i “3G” – racconta scherzosamente Guidi – io, Giannone e Gori (comandanti a Ro, Cologna e Berra): anni bellissimi, di condivisione e aiuto reciproco”.

Al Luogotenente sono state consegnate alcune riconoscenze: una targa donata dalla Pro-Alberone, una icona in ceramica da parte dell’associazione Volontari Protezione Civile di Ro, dalle mani del presidente Antonio Giannini (ex sindaco di Ro), e un orologio in ceramica, a segnare il tempo trascorso a Ro, da parte dell’amministrazione comunale di Riva del Po e consegnato dalle assessore Brandalesi e Trapella.

La conclusione non poteva che essere con un brindisi. “Ora – ha concluso il comandante Guidi – mi dedicherò al “lavoro” più bello di tutti: il nonno”.

red

Hits: 201

Condividi:

Lascia un commento