RIVA DEL PO – PROTESTE DIFFUSE PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA DEL VERDE DA PARTE DI C.L.A.R.A. – UN RITIRO OGNI 15 GIORNI E’ TROPPO POCO, VA RAFFORZATO IL SERVIZIO…

Riva del Po – Il ritiro del verde diventa ancora una volta motivo di discussione e protesta per i residenti del comune di Riva del Po.

“Un ritiro ogni 15 giorni, in questo periodo di maggior produzione del verde come prodotto di rifiuto, non è sufficiente a garantire lo smaltimento corretto”.

Non è la prima volta che i cittadini lamentano un disagio dovuto al ritiro troppo distanziato dell’immondizia, e non solo per il verde.

“Bidoni colmi che attendono per giorni di essere smaltiti e nel frattempo il contenuto del bidone fermentare – lamentano ancora i cittadini – con produzione di percolato e odori indescrivibili, un inquinamento sicuro che, chi dovrebbe garantire l’integrità ambientale, non contribuisce in modo concreto”.

“Per riuscire a smaltire il verde – spiega una signora, che ha molto terreno scoperto e quindi molta produzione di sfalcio e ramaglie – devo lasciare tutto a terra ed attendere altri 15 giorni, il passaggio di raccolta successivo, oppure affidarmi al bene dei vicini, che non avendo tanto scarto mi concedono un po’ di spazio nei loro bidoni”.

Una situazione paradossale per chi abita in campagna, abituati da sempre a smaltire l’immondizia in modo celere. Ma le segnalazioni non finiscono qui, perché, ancora una volta, anche i cassonetti che si trovano nei cimiteri, a disposizione per lo scarto dei fiori, sono stracolmi ed emanano un odore sgradevole. In questo caso pero dentro c’è un po’ di tutto, perché ci sono i furbetti che ci portano da casa gli avanzi della tavola.

“Chiediamo semplicemente un servizio di raccolta più frequente – concludono i cittadini – per evitare odori sgradevoli, ma anche più controllo, affinché gli smaltimenti siano più congrui e nel rispetto delle regole”.

(d.m.b.)

Hits: 87

Condividi: