BERRA – A DISTANZA DI ANNI RIEMERGE LA POLEMICA SULLA GESTIONE “DISINVOLTA” DEI RIFIUTI DA PARTE DI UN CONDOMINIO DI VIA 2 FEBBRAIO ABITATO DA MIGRANTI – SI ATTENDE UN ENNESIMO INTERVENTO DI C.L.A.R.A. E DELLE AUTORITA’

Berra – A distanza di anni riemerge la polemica sulla gestione “maldestra” dello smaltimento dei rifiuti da parte di un condominio di via 2 febbraio a Berra. C’è chi lo chiama degrado ambientale e si appella al senso civico, c’è chi si richiama all’igiene e chi al rispetto delle regole.

Da tempo, ma già successo anche in passato, si vede sulla strada un bidone colmo di immondizia e parte della stessa anche a terra, tanto da attirare l’attenzione di alcuni cittadini. Ad infastidire ulteriormente la cosa vi è la presenza di topi, sicuramente poco confortevole.

“Si tratta di un condominio abitato da migranti al piano superiore e cinesi a quello inferiore – dice una delle segnalazioni – Sono anni che il rifiuto è mal gestito ma ultimamente la situazione sanitaria è peggiorata: avvistati ratti che sembrano gatti, cibarsi e rompere questi sacchettini dell’umido”.

Chi segnala il fatto ha anche provveduto a segnalare a Clara la situazione poco piacevole. Anni fa ci fu un intervento risolutore dove fu richiamato a compiere il proprio dovere il “tutore” dei giovani migranti, ignari delle regole da rispettare. È bastato insegnare loro come si gestisce lo smaltimento e prendere alcuni accorgimenti perché tutto andasse per il verso giusto. Ma ora, a distanza di anni, la cosa si ripresenta.

Ascoltando tutte le parti è presto individuabile che siamo di fronte ad un problema con più cause: basta che ognuno (migranti e tutori, Clara e amministrazione comunale) faccia la propria parte ed il problema scompare. Forse quello più difficile da debellare è la prestanza dei topi in quanto i bidoni si trovano a pochi passi da un canale, dove i topi ci sono da sempre: basta non dargli l’occasione (resti alimentari in bella vista) che forse non tornano più.

(d.m.b.)

Hits: 73

Condividi: