ALBERONE – IL PARCO DI ALBERONE E’ STATO LIBERATO DALL’ERBA ALTA E DUNQUE IL “PROBLEMA” RISOLTO – GRAZIE ALL’IMPEGNO DELL’ASSESSORE POZZATI E DELLE PERSONE CHE HANNO PROTESTATO – MA C’ERA BISOGNO DI ARRIVARE A TANTO?

Alberone – Con lo sfalcio dell’erba (non importa chi l’ha fatto) si chiude definitivamente il “problema” Alberone. Ora tutto è tagliato: parco con annesso stabile, famoso per il posto dove si fa la Sagra del Zanin, parco giochi per i più piccoli, il campo da calcio, pallavolo e quello da tennis.

Contenta e soddisfatta la signora Sara, che con caparbietà e pazienza è riuscita nell’intento. L’assessore Pozzati: con devozione e apertura mentale ha messo tutto apposto.

“Ho ricevuto anche dalla consigliera Cinzia Bergami la richiesta di continuare ad occuparsi del parco di via Granata da parte della Pro – dice Pozzati – appurata la situazione passata, non ci sono problemi. Per qualunque cosa anche in futuro, sono a disposizione. Chiamatemi direttamente o se preferite, rivolgetevi anche a Cinzia o Daniela oppure al consigliere che preferite. Nessun problema per me, io dialogo con tutte le persone e tutti i consiglieri indipendentemente dalle appartenenze politiche”.

“Affermazioni che ti fanno onore” ha detto la consigliera Serena Occhi. “Il tuo atteggiamento Marco non dovrebbe essere un’eccezione – ha commentato la consigliera Simoni – Come invece purtroppo è. Tu stai rappresentando degnamente la dialettica e lo scambio politico che dovrebbe svolgersi con regolarità in ogni democrazia che si rispetti.

Invece nel nostro Comune purtroppo il condizionale è d’obbligo. Le minoranze relegate e isolate da una maggioranza che di democratico ha solo il nome del partito che rappresenta. Tu invece Marco Pozzati stai dimostrando con i fatti che  collaborando si risolvono i problemi, si danno risposte e servizi ai cittadini, si creano appartenenza e coesione. Il tuo gruppo dovrebbe prendere esempio dal tuo operare. Quindi per questo ti ringrazio e ti stimo”.

Che sia iniziata una nuova era?

lc

Hits: 75

Condividi: