RO – IL FUTURO DEL MULINO SUL PO ANCORA IN BILICO – SI E’ DECISO CHE I LAVORI VERRANNO EFFETTUATI IN LOCO MA ANCORA NON SI SA SE IL MANUFATTO RITORNERA’ NEL SUO ELEMENTO NATURALE: IL PO…

Ro – Sono giorni di attesa e valutazioni quelli che sta attendendo il Mulino sul Po , la nota struttura in legno che riporta fedelmente la ricostruzione dei mulini natanti che popolavano il fiume fino al 1912, che mercoledì 22 luglio ha rischiato di sprofondare nelle acque del Po, dove si trova sin dal 2005, anno dell’inaugurazione.

Per alcuni un destino segnato, dalla mancanza di manutenzione e da una mancata lungimirante programmazione, per altri un destino sfortunato causato da un abbassamento repentino del livello dell’acqua del Po (causa siccità) che lo ha portato a sbattere con lo scafo sul fondale con le conseguenti formazioni di falde. Ma ora è l’ora di mettere da parte le critiche e le polemiche e cercare di salvare il salvabile.

“I tecnici stanno lavorando per iniziare la manutenzione nel più breve tempo possibile – spiega Marco Pozzati, assessore comunale ai lavori pubblici – Il natante verrà sollevato dal fiume e la manutenzione sarà cantierata nell’area golenale stessa, molto probabilmente nello spazio di fronte al “bici grill”.

Naturalmente prima dello spostamento dal fiume, che avverrà per mezzo di gru poste sulla parte arginale di fronte al Mulino, si procederà a preparare l’area ricevente predisponendo un adeguato basamento di appoggio”.

Quindi cantiere di lavoro sul posto che, come detto, abbatterà anche i costi di manutenzione. Mentre gli amministratori non si sbilanciano sul futuro, sulla prossima collocazione del Mulino sul Po, se ritornerà in acqua – il suo posto naturale – oppure rimarrà sulla terra ferma, ipotesi che si era fatta strada fin dall’inizio del suo recupero.

(d.m.b.)

Hits: 25

Lascia un commento