RIVA DEL PO – CONTINUA IL PROGETTO “TENERE IL FILO” – TRA LE CRITICHE QUELLA AL COMUNE DI ESSERE PARTITO TARDI E LA SPESA DI 8.000 EURO AL MESE…

1026d2bf-19e1-4db7-baf7-11f75d5fd501

Riva del Po – Il progetto “Tenere il filo”, in corso per le famiglie e i bambini che frequentano il nido dell’infanzia “Pollicino Verde” di Berra, non trova pace. Da quando l’amministrazione comunale di Riva del Po ne ha dato notizia è tutto un susseguirsi di critiche e commenti. Eppure è un progetto che in altre città d’Italia sta andando avanti con successo. Qui invece viene osannato, addirittura per qualcuno ritenuto pericoloso.

“Non c’ è nessun effetto psicologico sul bambino – interviene Melania, una mamma che sta partecipando a questo progetto – questo lo dico a favore della cooperativa (viste le accuse che gli vengono rivolte). Fino ad ora nulla di diseducativo; per il momento riceviamo email, lavoretti, video letture una videochiamata programmata di 30 minuti con saluti (se uno riesce bene, altrimenti non è un problema). Questo è un progetto fatto da molte scuole, niente di straordinario”.

Secondo questa mamma il progetto non ha nulla di negativo. Negativo invece, secondo Melania, che si fa portavoce di altre mamme, è la gestione del progetto.

“L’ accusa da parte di noi genitori è verso l’amministrazione comunale – riprende la mamma – nell’aver accettato una proposta del genere a maggio, quando tutti hanno iniziato a lavorare. Inoltre ci è stato comunicato che il progetto è stato presentato a metà marzo: diamo le colpe a chi di dovere.

Il problema è che i soldi in questo momento andavano usati nel sostenere le famiglie che avevano bisogno, non spendere 8000 euro in un mese, adesso che si è ripartiti. I bisogni sono altri in questo momento, forse e dico forse potevano essere utili a pagare gli educatori o i servizi per i centri estivi per abbattere i costi?! Ma evidentemente il comune di Riva del Po ne ha molti troppi da gestire”.

Arrivederci alla prossima puntata.

(l.c.)

Hits: 149