BERRA – INCONTRO IL 29 GENNAIO, PRESIEDUTO DA ANDREA ZAMBONI IN MUNICIPIO, SULLE TRASFORMAZIONI DELLE PICCOLE AZIENDE AGRICOLE IN AGRO-HOLDING

Berra – Il settore agricolo, a livello globale, sta vivendo un momento di rapida evoluzione, anche se il termine “rapido” di solito non lega con le stagionalità agricole.

Le condizioni dei mercati, gestiti a livello globale, stanno generando situazioni di accorpamento aziendale: meno aziende agricole e di dimensioni più vaste, dovuto principalmente alla riduzione della marginalità per ettaro. In Italia, questo fenomeno si sta velocemente enfatizzando.

Quella che era l’azienda agricola familiare di ridotte dimensioni, dov’era sufficiente un’agenda sulla quale annotare le spese ed i ricavi, unita all’esperienza agronomica tramandata di padre in figlio, erano sufficienti a garantire il reddito familiare. Ora non più!

Le agro-holding che stanno via via sorgendo in questi anni, per via della loro dimensione strutturata e della bassa redditività per ettaro, alla quale si aggiunge l’instabilità climatica, devono da un lato analizzare dati per prendere le corrette decisioni sia gestionali che agronomiche, mentre da un altro punto di vista devono affidarsi a macchine agricole sempre più produttive.

Queste scelte implicano la necessità a tutti i livelli di manodopera qualificata a gestire numeri (cosiddetto Precision Farming), sia a livello decisionale che a livello operativo, figure professionali quasi inesistenti.

L’Amministrazione Comunale di Riva del Po, conscia di queste problematiche che fra l’altro provocano spopolamento, ha messo in contatto NIK con CFP Cesta. Da qui è nata la collaborazione: unire l’esperienza di formazione nella gestione di grandi estensioni di NIK Academy (azienda Bulgara che opera in Bulgaria, Romania, Ucraina, Kazakhstan, Ungheria, Turchia) con la consolidata esperienza e presenza sul territorio di CFP Cesta.

A coronamento di questo connubio si è tenuto un incontro mercoledì 29 gennaio presso la sala consiliare di Berra, con la presenza del dott. Ivo Kumanov CEO del Gruppo NIK, Enrico Bighi delegato italiano per il Gruppo NIK, il dott. Giovanni Lolli del CFP Cesta e il Sindaco dott. Andrea Zamboni del Comune di Riva del PO. Presente anche l’assessore Raffaella Nalli, che ha sottolineato l’importanza dell’accordo siglato, non solo per lo stesso ma anche per una conservazione del territorio, a vocazione agricola.

A breve partiranno due nuovi corsi per disoccupati, uno rivolto più alle attività operative ed un secondo rivolto più alle attività gestionali, ai quali se ne uniranno altri a stretto giro.

Per l’occasione, il Gruppo NIK sta aprendo una sede Italiana a Berra, seguirà appunto dal berrese Enrico Bighi.

(l.c.)

Hits: 146

Condividi: