BERRA – INCONTRO PUBBLICO CON ELISA TROMBIN, CANDIDATA ALLE ELEZIONI REGIONALI IN QUOTA LUCIA BORGONZONI – a cura di l.p.

Di fronte ad un pubblico interessato e attento, la candidata alle elezioni Regionali di domenica 26 gennaio Elisa Trombin, ha esposto i motivi che l’hanno spinta in questa avventura: portare a livello regionale il valore dei piccoli comuni, partendo dall’idea che non sempre le unificazioni portano valore aggiunto, ne economico, ne tanto meno politico. Spesso rappresentano, viceversa, solo la perdita della loro identità.

“Voglio portare in regione”, ha detto Trombin, “la mia esperienza di vent’anni di amministrazione fatta nel mio comune di Jolanda. Voglio far capire, alle istituzioni regionali, che è assolutamente necessario un riavvicinamento alle comunità locali per capire fino in fondo i loro problemi, cercando nella collaborazione reciproca i modi per risolverli. E per risolverli è altrettanto fondamentale capire che quasi mai le soluzioni adottate per i grossi comuni sono efficaci per le piccole comunità”

Al centro del dibattito, oltre ai temi della viabilità, dei servizi con particolare accenno alla scuola, è stata la scelta di far uscire il suo comune dall’Unione Terre e Fiumi. Lo sbilanciamento sfavorevole nella ripartizione dei costi all’interno dell’Unione era tale da poter continuare la collaborazione.

Smentita l’impossibilità di far fronte ai servizi per i propri cittadini, ha ribadito che anche il disavanzo economico del comune è sulla via del risanamento.

Le domande del nutrito pubblico presente hanno vivacizzato la serata e alla domanda “perché con la Borgonzoni”?

“Io sono una civica da sempre. Per portare nelle istituzioni di un certo livello le proprie istanze una scelta di campo va fatta. Non nascondo di essere stata contattata anche da Bonaccini e dal Centro-Sinistra, ma ho trovato nel Centro Destra la vera volontà del cambiamento che io intendo”.

Così come in apertura, i ringraziamenti ai presenti di Leonardo Peverati, che sottolineava la presenza di diversi amministratori locali e non solo, concludeva la serata.

Hits: 289