COPPARO – L’UNIONE TERRE E FIUMI SEMPRE PIU’ A RISCHIO CHIUSURA – PAGNONI ORDINA UNO STUDIO DI FATTIBILITA’ PER LA “COPPAREXIT” DALL’UNIONE

FABRIZIO PAGNONI SINDACO DI COPPARO

Copparo – Il “botta e risposta” tra la destra e la sinistra che compongono l’unione Terre e Fiumi sta mettendo a dura prova la tenuta di questo Ente che, se da una parte ha rappresentato una “Unione Modello” da copiare, ora sta facendo vedere tutti i suoi difetti e limiti quando a “governarla” sono due parti contrapposte, in disaccordo su tutto.

La destra attacca la sinistra e viceversa. Un susseguirsi di attacchi che, ognuno a modo suo, hanno ragione di essere ma che portano a un nulla di fatto. Ed in mezzo ci sono i CITTADINI, ignari e bersaglio di questa battaglia che non porterà nulla di buono.

Lo abbiamo detto e lo ripetiamo che questa Unione non durerà a lungo, soprattutto con questi propositi. Forse si salveranno i due servizi principali: Asp e Polizia locale.

Ora Copparo studia, o meglio sta facendo studiare ad esperti, la possibilità di uscire dall’unione. Come se per capirlo ci volesse un “ingegnere”. E poi lo sanno tutti che gli studi di fattibilità sono cuciti addosso a quello che si vuole fare. Tutte le decisioni hanno i suoi pro e contro.

Lo studio di fattibilità li fa pendere dalla parte richiesta. In poche parole lo studio di fattibilità fa bene solamente a chi lo confeziona. E allora, fra uno Statuto che non arriva e uno Studio di Fattibilità, i CITTADINI attendono con ansia quale futuro li aspetta.

(ci.ci.)

Hits: 241