venerdì, Giugno 21, 2024
News

RO – CONSIGLIO COMUNALE A PORTE CHIUSE PER PAURA DEL CORONA VIRUS – LE OPPOSIZIONI PROTESTANO – NON CI SONO TALI INDICAZIONI NEL DECRETO DEL GOVERNO

Ro Consiglio Comunale di Riva del Po convocato a porte chiuse e (non tutte) le opposizione insorgono.

Sabato mattina alle ore 9,30, presso la sede distaccata di Ro, va in scena quello che doveva essere il “consiglio” più consigliato di tutti, perché tra i 12 punti all’ordine del giorno c’è anche quello che riguarda Clara, tanto per capirci quello delle numerose firme raccolte dal “Comitato Cittadino di Riva del Po“.

Ma il sindaco ha deciso che la gente non deve partecipare. Certo che non è un affronto, perché i motivi della chiusura al pubblico sono altre, ma non è così per i consiglieri di opposizioni Daniela Simoni (Gente di Riva del Po) e Marianna Lucchin (Centrodestra Unito per Riva del Po), che manifestano il loro disappunto attraverso una lettera inviata a tutti i consiglieri di maggioranza, Sindaco compreso, dai toni poco rassicuranti.

“Con rammarico abbiamo dovuto constatare che le questioni discusse e le modifiche concordate nella Commissione Capigruppo non sono state recepite dimostrando ancora una volta che non avete alcuna intenzione di collaborare e ci mancate di rispetto.

Il nostro tempo è prezioso quanto il vostro. Ma questo non è tutto. Con stupore invece abbiamo letto che la seduta sarà a porte chiuse e ci chiediamo perché. Non ci pare vi siano indicazioni nelle ordinanze ministeriali e regionali di limitazione di accesso al pubblico per le sedute comunali ed il nostro Regolamento del Consiglio Comunale lo consente solo per fatti personali.

Molti consigli comunali si sono riuniti in questi giorni con afflusso di pubblico ben più consistente di quello abituale che frequenta il nostro piccolo Comune. Questo ci fa concludere che volete come sempre tenere all’oscuro la cittadinanza, non consentendo a chi lo desidera ascoltare e conoscere ed in questa seduta ci sono parecchi argomenti di grande interesse e due interpellanze.

In fin dei conti è solo questione di democrazia, trasparenza e rispetto ma forse sono qualità che non vi appartengono”.

La diatriba rischia di mettere in secondo piano l’importante ordine del giorno, che tra le altre cose prevede la discussione sulle tasse, con la definizione di aliquote, e i regolamenti sulla scuola.

Ci sarà anche la surroga di Filippo Barbieri, dimissionario: al suo posto dovrebbe entrare Doriana Franciosi, che con 70 preferenze risulta essere la prima dei non eletti.

Nel caso Franciosi non dovesse accettare l’elenco in successione prevede: Federica Biondi (44 preferenze), Cinzia Bergami (36 preferenze), Elena Catozzi (29 preferenze).

A tal proposito la maggioranza dovrebbe presentare il “nuovo” capogruppo, che prende il posto di Pozzati Marco (neoassessore al posto di Barbieri).

Non meno importanti le due interpellanze su “Le Botteghe” di Ro e sulle tariffe di Clara.

(l.c.)

Views: 42

Condividi: