BERRA – NON PIACE LA NOTIZIA CHE I NON COPPARESI PAGHERANNO LA CAMERA MORTUARIA PER LASCIARE IN “SOSTA” I PROPRI DEFUNTI – SI PROPONE UNA CONVENZIONE CON GECIM

CAMERA MORTUARIA COPPARO

Berra Pagare per avere un posto nella camera mortuaria di Copparo. Ai cittadini dell’ex comune di Berra questa proposta sta stretta. “Appena abbiamo letto la notizia sui giornali ci siamo guardati stupiti – è il primo laconico commento – quella – riferendosi appunto alla camera mortuaria – per noi è sempre stata la “nostra” camera, più vicina e più comoda dell’allora camera di Fossato di Mortara piuttosto che quella attuale di Cona.

Quando l’ospedale funzionava, era il nostro ospedale, e quella la nostra camera mortuaria. Dopo averci chiuso l’ospedale ora ci fanno i ricami anche sulla camera mortuaria.

Sappiamo benissimo che occorrono soldi per mantenerla ma riteniamo non sia questa la soluzione. E nemmeno noi ne facciamo una questione di cifre – in riferimento a quanto detto dal sindaco di Copparo – irrisorie rispetto alle spese complessive di un funerale. E se non sono i 30/40 euro che fanno la differenza, non la dovrebbe fare per entrambi le parti”.

Secondo molti cittadini quella che per decenni è stata la camera mortuaria di tutti ora lo diventerà solo per i Copparesi e questo non piace.

“Non capiamo poi – concludono i cittadini – perché debba essere diventata una priorità per i Copparesi. Questo è quanto si capisce da quello che abbiamo letto sulla stampa. Se così fosse, dopo aver gioito alla notizia di una ristrutturazione della camera ora siamo profondamente delusi. Ma aspettiamo l’ufficialità della cosa, che potrebbe cambiare rispetto a quanto letto ora”.

Qualcuno suggerisce anche una ipotesi. “Una bella convenzione tra il gestore Gecim e i comuni di chi usufruisce della camera mortuaria, nella fattispecie i comuni dell’ex mandamento del Copparese, non sarebbe male”.

(l.c.)

Hits: 566