BERRA – PROTESTE DEGLI AUTOMOBILISTI PER UNA CREPA “STORICA” SULLA VIA POSTALE RIPARATA CON UN PO’ DI CATRAME A FREDDO – ANDREMO AVANTI COME A PONTE ALBERSANO: 5 ANNI PER SISTEMARE UN PICCOLO DANNO…

Berra – Un cartello che indica la presenza di una cunetta/dosso e quattro “badilate” di catrame a freddo. Per ora è questa la sistemazione che l’amministrazione provinciale ha deciso di adottare per sistemare la buca che si trova sulla strada SP12, in via Postale a Berra, una crepa in mezzo alla corsia che ogni giorno si infossa sempre di più, evidenziando la sua pericolosità nonostante il limite di velocità sia dei 50 chilometri orari.

Negli ultimi giorni il manto stradale si stava anche sgretolando, creando ulteriore pericolo alla circolazione. Gli automobilisti scongiuravano una sistemazione con il solito catrame a freddo ed invece la provincia ha deciso in questo senso.

All’indomani della “riparazione” sono molti gli automobilisti rimasti increduli di questo lavoro. “Se volevano prenderci in giro, ci sono riusciti – dicono in coro gli automobilisti, esibendo un ampio sorriso sarcastico – l’ennesima presa per i fondelli”.

“Auspiachiamo che questa sia una sistemazione provvisoria – proseguono – anche se è è rimane sempre una decisione paradossale: dopo anni che si presenta questo problema la decisione iniziale è quella di una sistemazione provvisoria. Assurdo. Qui si rischia di fare la stessa fine di Albersano, con una attesa decennale, provvisoriamente risolta con una infinità di cartelli stradali”.

La situazione è pressoché fotocopia di quella di Albersano in quanto anche qui la strada è vicino ad un canale. Si tratta di una crepa di circa 20 metri, dei quali 5 sono ridotti male, con un grande affossamento (in prossimità del canale) e il catrame posato non ricopre nemmeno tutto il “buco” ma solo la parte più sgretolata.

“Riteniamo che anche l’amministrazione comunale debba farsi sentire – concludono gli automobilisti – pur non essendo titolare dell’intervento dovrebbe alzare la voce”.

(d.m.b.)

Hits: 81

Condividi: