SONO UN INFERMIERE, NON SONO UN EROE – PASSATA LA FESTA GABBATO LO SANTO – LE PROMESSE NON MANTENUTE ORA CHE IL COVID CI STA LASCIANDO – ATTENZIONE ALLA PROSSIMA ONDATA…

Come infermiere “datato“, ma penso che un po’ tutti lo avevano capito, lo avevo già detto che il fatto dell’EROE suonasse come una presa per i fondelli.

Non può essere che un infermiere venga additato come un fannullone, colui che non ha voglia di lavorare, colui che bada solo a ridere e scherzare. Non ho dimenticato tutte le critiche che i cittadini ci hanno fatto lamentandosi dentro i pronto soccorso.

Come pure tutte le aggressioni, verbali e talvolta fisiche, che abbiamo subito. E per incanto EROE. E mi fermo qui.

Ora niente incentivi promessi (solo le persone per bene mantengono la parola).

Mi tocca dirlo che……..LO AVEVO DETTO. Ora, però, qualcuno non rispetta le regole: movide a tutto spiano. E non vorrei mai che si ritornasse indietro, tutto da capo.

Ed allora ecco che si dovrà fare nuovamente ricorso agli……..EROI. Allora assisteremo a “IL RITORNO DEGLI EROI PARTE II°“, cioè la seconda presa per i fondelli.

Una domanda mi sorge spontanea. Ma in questa Italia quando si inizierà a fare i seri?

PS. E non guardatevi in giro perché siete tutti “colpevoli”.

(m.b.)

Hits: 107