ALBERONE – IL PUNTO DI RACCOLTA IN VIA FAZZINI SI FARA’ – LO DICE IL SINDACO E LO DICE C.L.A.R.A. E I LAVORI FINIRANNO ENTRO IL 2022 – SECONDO DANIELA SIMONI IL LUOGO, SCELTO 4 ANNI FA, NON SAREBBE PIU’ IDONEO

Alberone – “A breve partiranno i lavori per la costruzione del punto di raccolta in via Fazzina ad Alberone”.

Lo ha detto il sindaco di Riva del Po Andrea Zamboni e lo ha confermato Annibale Cavallari, presidente di Clara, durante l’ultima seduta consigliare.

“Hanno già iniziato a portare il materiale per i lavori – ha aggiunto il sindaco – e quindi i lavori partiranno a breve”.

Un’attesa lunga almeno 4 anni, da quando, nel 2018, l’ex sindaco di Ro Antonio Giannini lo annunciava. Ritardi sicuramente non imputabili all’ex comune di Ro o all’attuale comune di Riva del Po (nato dalla fusione Ro/Berra il primo gennaio 2019), perché le due amministrazioni comunali hanno sempre messo a bilancio e stanziato la quota spettante di 80mila euro.

Un centro raccolta che dovrebbe e potrebbe risolvere alcuni problemi di smaltimento in quanto l’accesso diretto da parte degli utenti diminuirebbe i costi sulle bollette. Ma il luogo sembrerebbe anacronistico secondo la consigliera Daniela Simoni. “Quel posto era stato individuato secondo le esigenze dell’ex comune di Ro – ha detto la consigliera di Gente di Riva del Po – ora non mi sembra il luogo ideale. Considerando che gli utenti di Ruina e Ro hanno il centro di raccolta di Copparo come punto di riferimento, Alberone non è più il riferimento centrale del comune”.

“Rivedere ora la posizione più idonea – ha risposto il sindaco – avrebbe significato rimandare il tutto con l’allungamento dei tempi”. Ma la consigliera Simoni è da subito dopo la fusione (primo gennaio 2019) che va dicendo “alla luce della nascita del comune di Riva del Po la collocazione del punto di raccolta deve essere rivalutato”.

Il sindaco ha poi precisato che “I punti di raccolta rappresentano il futuro per Clara e quindi non è da escludere che il nostro comune, vista la lunga estensione, ne possa ricevere un’altro”. La consigliera Simoni ha messo in evidenza come “I residenti di Serravalle si trovano disagiati rispetto ad Alberone”.

Ma anche in questo caso arrivano novità. “Clara ha in programma di costruire un centro anche a Mesola – ha detto Zamboni, annuito da Cavallari – che potrebbe rappresentare un ottimo sfogo per i residenti più ad est del comune”.

Sta di fatto che ora i lavori partono, per la realizzazione di un progetto nel quale sono stati stanziati 380mila euro: 300mila da Clara e 80mila dal Comune di Riva del Po. L’area avrà un’estensione di oltre 2.600 metri quadri con sei container da 27 metri cubi, cinque vaschette da sei metri cubi e altri contenitori per la raccolta di rifiuti urbani, illuminata e videosorvegliata.

“Il tutto entro fine anno” ha precisato Andrea Zamboni, ancora una volta annuito da Cavallari.

(d.m.b.)

Hits: 63

Condividi: