lunedì, Luglio 15, 2024
CuriositàInterventi

L’opinione – MASCHERINA SI’ MASCHERINA NO – PERCHE’ MOLTI CONTINUANO ANCORA A METTERLA ALL’APERTO? – IL DIBATTITO E’ APERTO E IL MEGLIO ANCORA NON SI SA…

Probabilmente deve trattarsi di una sorta di evento post-traumatico. Una specie di interiorizzazione del comportamento. O forse più semplicemente di un’abitudine difficile da perdere. Fatto sta che se ci guardiamo intorno, nel giorno della “liberazione dalla mascherina”, una nutrita schiera di convinti sostenitori del dispositivo di protezione continua ad indossarla.

Eppure abbiamo atteso con trepidazione questo momento: l’Italia intera in bianco, contagi e decessi al minimo, numero di vaccinati che continua a salire, ospedali liberi dal Covid e il Governo che autorizza i cittadini a riporre la mascherina nelle tasche quando si è all’aperto (rimane l’obbligo di indossarla negli ambienti chiusi). Rischio minimo, ci vogliono comunicare.

D’altronde è notizia oramai dello scorso anno che il contagio da Covid all’aperto, in particolare in estate, è improbabile. E’ invece conquista recente la decrescita del numero dei casi in concomitanza dell’aumentare delle persone immunizzate.  Gli esperti, dati alla mano, rassicurano, dunque. Ma una parte di cittadini continua ad autoregolamentarsi e non ne vuole sapere di abbandonare la mascherina, neanche all’aperto.

Colpa della variante Delta, si dirà, di cui ancora si sa poco. Ma non deve essere solo questo. La vera ragione, probabilmente, risiede nella convinzione che seguire le regole dettate dal ‘proprio’ buonsenso, sia stato nel corso di tutta la pandemia, e perciò anche adesso, la strada più giusta da percorrere. Per quanto mi riguarda, ad esempio, è così.

Mi autodenuncio: non abbandonerò del tutto la mascherina, neanche all’aperto, con buona pace di quanti, so già, si scaglieranno contro di me. Le ragioni sono molteplici. Ma una prevale su tutte: il principio della prudenza, che mi ha guidato nel corso dell’intera stagione pandemica. Grazie e a causa della professione che svolgo, le informazioni in cui mi sono imbattuto in un anno e mezzo sono state molte, a volte contraddittorie. Perciò nel magma di principi e criteri di comportamento spesso antitetici fra di loro, mi sono dovuto orientare, molto spesso scegliendo (naturalmente sempre in accordo con le linee dettate da Cts e Governo, perciò seguendo in eccesso le regole e mai in difetto) quello che mi sembrava più corretto fare e non quello che era lecito fare. Sono certo che sono in molti ad aver fatto lo stesso. 

Per questo motivo non riesco ad uscire da questa logica, neanche adesso. Per questo motivo non abdicherò completamente all’obbligo di mascherina, neanche all’aperto. Ma valuterò di volta in volta il fattore di rischio, decidendo se toglierla o meno. In altre parole, non la terrò in tasca, ma pronta per essere calzata perfettamente quando il mio “buon senso” mi dirà che è giusto farlo. Guardandomi intorno, oggi, mi sembra di non essere il solo a vederla in questo modo.

D’altronde indossare la mascherina è un prezzo piuttosto basso da pagare. Una precauzione semplice, non troppo invasiva, da prendere. Posso farne a meno adesso? Forse sì, anzi in alcune circostanze, sicuramente sì. Ma a noi “sì mask” sono certo perdonerete questo eccesso di cautela. D’altronde non facciamo del male a nessuno.

(m.b.)

Views: 56

Condividi: