COPPARO – IL SINDACO DI COPPARO CONSEGNA UN RICONOSCIMENTO A FRANCESCO CAVOLO E MARCO PAVAN VICE BRIGADIERI (CC COPPARO) E ALL’APPUNTATO SCELTO STEFANO GIGLIOLI (CC RO) – HANNO IMPEDITO IL SUICIDIO DI UN 52ENNE RODIGINO LA NOTTE TRA IL 16 E IL 17 FEBBRAIO

Copparo – Stamane (lunedì 29 marzo) il sindaco di Copparo Fabrizio Pagnoni ha consegnato un riconoscimento ai vicebrigadieri Francesco Cavolo e Marco Pavan del Nucleo Operativo e Radiomobile di Copparo e all’appuntato scelto Stefano Giglioli della Stazione di Ro Ferrarese per aver evitato ad un uomo di suicidarsi.

Il fatto è successo nella notte  tra  martedì 16 e mercoledì 17 febbraio scorso, in via Dazio a Ro. Erano circa le 2 di notte quando all’utenza di emergenza 112 della Compagnia Carabinieri di Copparo è arrivata la chiamata di un 52enne rodigino residente nel padovano, il quale, in evidente stato alterazione psico-fisica, informava l’operatore della centrale che era intenzionato a porre fine alla propria esistenza, gettandosi nelle fredde acque del fiume Po.

L’Appuntato che ha risposto al telefono, con ferma determinazione e professionalità, è riuscito a stabilire un contatto umano con l’interlocutore, il quale gli avrebbe confidato di essere giunto sulla riva del Po e di volersi suicidare, perché sopraffatto da innumerevoli problemi personali e da un irreversibile dissesto economico. Contemporaneamente il carabiniere riusciva ad avviare la procedura di localizzazione dell’uomo, che si trovava in via Dazio a Ro, nei pressi della ciclabile, a poche decine di metri dalla sponda destra del fiume.

L’operatore della Centrale ha inviato immediatamente sul posto due pattuglie: una del Nucleo Operativo e Radiomobile di Copparo  e la seconda della locale Stazione, oltre ad allertare il 118 per il soccorso medico.

Le pattuglie sono riuscite a raggiungere lo sventurato cittadino per tempo, trovandolo ancora impegnato al telefono con il collega del 112, affidandolo poi alle cure dei sanitari, giunti poco dopo. Il 52enne, sano e salvo, è stato successivamente trasportato all’ospedale di Cona per accertamenti clinici. Oggi (lunedì 29 marzo), alla presenza del comandante della Compagnia di Copparo capitano Manuel Scacchi, i riconoscimenti  ai vicebrigadieri Francesco Cavolo e Marco Pavan del Nucleo Operativo e Radiomobile di Copparo e all’appuntato scelto Stefano Giglioli della Stazione di Ro Ferrarese.

“Non bisogna mai dimenticare – ha detto il sindaco Pagnoni – tanto più in tempi difficili come questi, il valore dell’impegno quotidiano delle forze dell’ordine per la nostra comunità. Questo riconoscimento vuole metterne in luce la professionalità e l’umanità, ma anche l’importanza che si deve attribuire a ogni gesto che salvaguarda la vita umana in un periodo in cui la nostra società è resa particolarmente fragile delle prove imposte dalla crisi sanitaria ed economica”.

(d.m.b.)

Hits: 192

Condividi: