CODIGORO – CADF CHIUDERA’ IL BILANCIO 2021 CON UN UTILE DI 644.872,00 € – LE TARIFFE ANCHE PER IL 2021/22 NON SUBIRANNO AUMENTI E RIMARRANNO COME NEL 2019

Codigoro – Il bilancio d’esercizio preventivo 2021 di Cadf chiuderà con un utile di 644.872 euro, dopo il calcolo delle imposte stimate. Questo è quanto  preventivato per il 2021, con grandi cifre e ambizioni ed approvato da Cadf, l’azienda che distribuisce acqua dai rubinetti nei comuni soci di Codigoro, Comacchio, Copparo, Fiscaglia, Goro, Jolanda di Savoia, Lagosanto, Mesola, Ostellato, Riva del Po e Tresignana.

Nell’applicazione delle normative vigenti per le tariffe Cadf ha “Approvato il metodo tariffario idrico per il terzo periodo regolatorio MTI-3” per il territorio gestito che, per agevolare gli utenti per il 2020 e il 2021, ha ritenuto di non operare, per nessuna categoria di utenza, gli incrementi calcolati.

Pertanto per il biennio 2020-2021 sono confermate le tariffe del 2019. Tecnicamente, nel 2020 e nel 2021, CADF ha scelto di non fatturare agli utenti la componente tariffaria “Rc-conguagli”, per un ammontare complessivo di circa 4,8 milioni di euro, che equivale approssimativamente al 9% del fatturato su base annua.

“Il bilancio economico preventivo approvato dall’Assemblea dei Soci ha un ruolo fondamentale come guida e controllo della direzione delle operazioni dell’azienda – spiegano i dirigenti di Cadf – Dopo aver definito gli obiettivi, dobbiamo intraprendere un percorso strategico per raggiungerli”.

Ma veniamo alle cifre. “Il valore complessivo dei ricavi ammonta a 30.432.890 euro – spiegano i contabili – Le voci maggiori sono i ricavi dalla vendita di acqua (19.490.182 euro), ricavi fognatura (2.018.267 euro), ricavi depurazione (4.883.442 euro), incrementi di immobilizzazioni per lavori interni (860.000 euro) e altri ricavi e proventi (240.000 euro).

I ricavi derivano dalla vendita di 8.643.509 mc di acqua, un volume analogo a quanto è stato fatturato nel 2019 mentre si è stimato di assoggettare a tariffa fognatura e tariffa depurazione circa 6.866.000 mc. I proventi che si prevedono di percepire l’anno prossimo dai nostri impianti di depurazione dotati di specifica autorizzazione ammontano a 800.000 euro.

Tali ricavi derivano dal trattamento del percolato proveniente dalle discariche dei rifiuti solidi urbani ancora in esercizio oppure già chiuse e dal trattamento e dalla pulizia dei pozzi neri provenienti da tutto il territorio nei nostri impianti di depurazione di Comacchio e di Codigoro”.

Il totale dei costi della produzione ammonta ad 29.158.018 euro, mentre la differenza tra il valore ed i costi della produzione ammonta a 1.274.872 euro. Gli interessi passivi ammontano ad 80.000 euro e sono relativi agli interessi maturati sui mutui accesi per realizzare gli investimenti.

Le imposte stimate per l’esercizio 2021 ammontano a 550.000 euro e un bilancio d’esercizio preventivo 2021 che chiuderà con 644.872 euro di utile.

(d.m.b.)

Hits: 25

Condividi: